pagine/1

PORTBOU

J. M. G. Le Clézio, Il Verbale, :punti edizioni J. M. G. Le Clézio, Il Verbale, :punti edizioni

Francamente, non si tratta di desiderare, così come poco fa non si trattava certo di un semplice problema di sigarette che si possono fumare sulla terra. No, ciò che muove Adam è la riflessione, la lucida meditazione. Partendo dalla propria carne di uomo, dalla somma di sensazioni presenti in lui, si annulla nel duplice sistema della moltiplicazione e dell’identificazione. Grazie a questi due elementi può pensare nel futuro, nel presente e nel passato. Ma questo è possibile solo se prendiamo le parole per quello che sono, ovvero se le consideriamo come semplici parole. A poco a poco si annulla l’auto-creazione. Nel vicino o nel lontano. Pratica una sorta di simpoesia che non va a finire con il Bello, il Brutto, l’Ideale, la felicità. Il suo fine ultimo è l’oblio e l’assenza. Presto non esisterà più. Presto non sarà più se…

View original post 53 altre parole

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...